Liliana Segre cittadina onoraria di Ciampino.

Liliana Segre cittadina onoraria di Ciampino.
IL PRESIDENTE MAURO TESTA INTERVIENE DAI BANCHI DEL CONSIGLIO

Liliana Segre cittadina onoraria di Ciampino. Il messaggio della Senatrice a vita per la nostra comunità

Questa mattina in Consiglio comunale è stata riconosciuta la cittadinanza onoraria alla Senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’Olocausto e testimone attiva della Shoah italiana, Presidente della Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza.

Appresa la notizia, con un suo messaggio personale rivolto alla Sindaca Emanuela Colella e dedicato all’intera comunità, la Senatrice ha voluto commentare il conferimento della cittadinanza onoraria della Città di Ciampino. Di seguito le sue parole che pubblichiamo in forma integrale:

Liliana Segre cittadina onoraria di Ciampino

Il Comune di Ciampino ha riconosciuto la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, nel corso della seduta odierna del Consiglio comunale. Un riconoscimento che esprime l’alto valore morale ed educativo del ruolo che la Senatrice a vita, autorevole testimone di una pagina oscura della storia del secolo scorso, ha svolto come custode della memoria per le generazioni presenti e future, contro l’indifferenza, perché quanto accaduto non cada nell’oblio

“La senatrice Liliana Segre – ha ricordato la Sindaca Emanuela Colella – è testimone vivente di una delle più grandi tragedie collettive prodotte dalla civiltà umana: l’Olocausto.

Memoria viva delle sofferenze e delle privazioni subite, monito vivente all’affermazione dell’umanità e della civiltà sulla sopraffazione e sulla disuguaglianza – ha proseguito la Prima Cittadina – Liliana Segre ha speso la sua vita per insegnare il rispetto del diverso attraverso la sua storia. Instancabile e autorevole testimonianza di una delle più atroci pagine della nostra storia, ha saputo trasformare il suo dolore in forza per difendere il futuro di tutti noi tramite l’educazione e la sensibilizzazione”.

E proprio pensando a sensibilizzare i cittadini di domani, che nella seduta di oggi è stata invitata una delegazione delle scuole del territorio, rappresentata dagli studenti della classe 3E dell’IC Da Vinci, che durante una pausa dei lavori del Consiglio, ha letto alcune riflessioni prodotte sul tema.

«Gentile Sindaco di Ciampino,

è un onore per me aver ricevuto la cittadinanza onoraria della vostra Città, che dunque da oggi sarà anche un po’ mia. Questa onorificenza crea fra di noi non solo un legame morale, ideale e civico, ma rafforza un idem sentire democratico radicato nei principi e negli istituti della nostra Costituzione repubblicana ed antifascista.

Purtroppo tutto avviene nel tempo di una nuova guerra in Europa, con l’aggressione della Russia all’Ucraina, con le città bombardate, con migliaia di morti innocenti, con la fuga di milioni di persone dalle loro case e dal loro paese, con le esecuzioni sommarie. Una situazione che rende tanto più importante sia coltivare la memoria, sia diffondere la cultura della pace e della solidarietà.

Primo Levi ci ha messo per sempre sull’avviso: “è accaduto, può accadere ancora”. Può accadere ancora se non stiamo attenti, se non esercitiamo intelligenza, conoscenza e responsabilità. In prima persona.

Vorrei che la mia Cittadinanza Onoraria di Ciampino avesse appunto questo valore: di testimonianza della Memoria della Shoah, ma anche di monito a che sempre rimangano vigili le coscienze, le Istituzioni, ogni singola persona.

Purtroppo comprensibili ragioni non mi consentono di essere presente in Città come vorrei. Ci tengo però che giungano alle mie nuove concittadine e nuovi concittadini, alle Istituzioni locali, alle ragazze e i ragazzi del territorio, insieme ad un sentito ringraziamento, l’augurio di un futuro di prosperità e di progresso morale e civile».

Liliana Segre

Redazione Murales

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.