“Il diritto alla salute nel Servizio Sanitario Nazionale”. Nuova opera “Monumentale” di Franco Brugnola

“Il diritto alla salute nel Servizio Sanitario Nazionale”. Nuova opera “Monumentale” di Franco Brugnola

Il giorno 14 maggio all’Abbazia di San Nilo di Grottaferrata in una sala molto affollata della Scuola di Iconografia, l’Associazione Nuovi Castelli Romani ha presentato il nuovo libro di Franco Brugnola “Il diritto alla salute nel Servizio Sanitario Nazionale”.

Preliminarmente è stata letta una lettera del Vescovo Ausiliare di Roma Mons. Paolo Ricciardi: «Sono rammaricato di non poter partecipare in presenza, oggi, a questo evento, ma con gioia invio il mio saluto alla presentazione del libro che definirei “monumentale”, non solo per la quantità delle pagine che lo compongono, ma per il contenuto storico, evolutivo, che nel corso degli anni ha determinato la fisionomia di un sistema sanitario attuale, che l’autore affronta in tema non polemico, ma critico, analizzandone gli aspetti positivi e negativi, offrendo così al lettore, la possibilità di una attenta visione e valutazione obiettiva. Omissis Mi auguro che questo libro, scritto con passione e competenza, possa essere di stimolo ad un percorso diverso, con un cambio di prospettiva radicale, dove la persona possa essere considerata soggetto attivo e non passivo all’interno di un sistema sanitario che garantisca la dignità, nella traiettoria evolutiva naturale della esistenza, dal principio alla fine della sua vita».

Sono intervenuti: l’autore della prefazione: prof. Cesare Pinelli, ordinario di diritto pubblico e il prof. Claudio Letizia, ordinario di medicina interna, entrambi dell’Università “Sapienza” di Roma, il sen. Bruno Astorre, Francesco Pittoni, Vice Presidente Vicario dell’Unione Associazioni Regionali di Roma e del Lazio, Francesco De Feo, Egumeno del Monastero Esarchico di Santa Maria di Grottaferrata, la dott.ssa Cinzia Sandroni, direttore della UOC professione infermieristica della ASL Roma 6 e il dott. Ettore Pompili, Presidente onorario dell’Associazione NCR.

Un pubblico molto attento ha affollato la sala.

Una presentazione riuscitissima.

L’opera è un vero e proprio trattato di diritto sanitario diviso in sei parti:

1) Il processo della riforma

2) L’assistenza sanitaria

3) Organizzazione centrale del SSN+

4) Organizzazione regionale del SSR

5) Strutture operative e loro funzioni

6) Diritti e responsabilità delle persone

Complessivamente sono 630 pagine con oltre 800 note di dottrina e giurisprudenza, un ampio indice analitico e una ricca bibliografia.

Un libro scritto in maniera chiara e comprensibile anche per chi non ha una formazione giuridica e che spiega in maniera diffusa tutta la materia.

Molta attenzione è stata posta alla gestione delle risorse finanziarie, umane, strumentali e informatiche, ma sono trattate diffusamente anche tutte le altre funzioni come quelle della trasparenza, della prevenzione della corruzione, dell’informazione e della partecipazione, princìpi questi ultimi rigorosamente dettati dalle norme e che troppo spesso non trovano riflesso nemmeno per sbaglio nell’operare concreto.

Nel testo viene sottolineata l’importanza degli organi di indirizzo (es. Sindaci, Conferenza locale sociale e sanitaria per le aziende sanitarie locali, ecc.) che sarà determinane per l’applicazione del PNRR, ma anche il ruolo dei cittadini, proclamato da tutti, ma scarsamente rispettato.

Il primo testo di diritto sanitario aggiornato al 31 marzo del 2022 con la Missione 6 del PNRR, che può essere utile per chi deve studiare, per chi vuole prepararsi per un concorso, ma anche per chi già lavora e vuole aggiornarsi anche per difendere i propri diritti sul luogo di lavoro, oltre che per gli avvocati che devono rappresentare qualche paziente o dipendente.

Redazione Murales

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.